Reinhold Friedl – KRAFFT

Ensemble 2e2m & zeitkratzer

zeitkratzer / Bocian, 2020
contemporary classical, chamber noise

(ENGLISH TEXT BELOW)

Un atteggiamento di costante sfida può indurci a indietreggiare, a mantenere le distanze rispetto a situazioni perturbanti, oppure spingerci al confronto per scoprire chi l’avrà vinta sull’altro. Di certo non sarà un insaziabile avanguardista come Reinhold Friedl a venirci incontro con sortite musicali accomodanti o atte a consolidare le nostre certezze e predilezioni: sia come compositore originale che come “arrangiatore” di derive sonore estreme – dall’harsh noise di Metal Machine Music e dei Whitehouse alla caotica selva free jazz di Muhal Richard Abrams – il pianista sperimentale e direttore dell’ensemble zeitkratzer non intraprende alcun progetto che non rappresenti un passo in avanti nella definizione di una personale estetica del ‘klang’ assoluto, finanche a discapito di un ascolto “piacevole”.

Leggi tutto / read more

Federico Mompou – Música Callada / James Rushford – See the Welter

James Rushford, piano

Unseen Worlds, 2020
modern classical, minimalism

(ENGLISH TEXT BELOW)

Che si trattasse di più o meno sincera umiltà, di una provocazione proto-dadaista o di una strategia di marketing ante litteram, la ‘musica da arredamento’ di Erik Satie ha aperto la strada a un concettualismo semiserio in un’epoca ancora dominata dal mito del compositore romantico e dei suoi intensi struggimenti. Voler distogliere l’attenzione da una melodia seducente e cristallina è di per sé un controsenso, tale però da mettere in luce il nostro mutevole rapporto con la pratica dell’ascolto, a seconda dei luoghi o dei contesti sociali in cui essa si propone.

Così come la più stoica determinazione può condurre da uno stato attentivo all’inavvertita distrazione, un approccio “laterale” e ozioso può invece innescare un processo di osmosi totale tra la sorgente musicale e il suo fruitore: è il punto di vantaggio di una musica talmente intima da rendersi fatua, inafferrabile, intrinsecamente adescrittiva. Ed è in tali recondite profondità che prendevano forma i quattro ‘quaderni’ di “Música Callada”, magnum opus e testamento spirituale del catalano Federico Mompou (1893-1987), compositore e pianista dal tratto ancora oggi attualissimo.

Leggi tutto / read more

Roger Reynolds at 85, Vol. 1 – String Quartets: FLiGHT; not forgotten

JACK Quartet

Mode Records, 2020
contemporary classical

(ENGLISH TEXT BELOW)

Possiamo ancora contare su Brian Brandt e la sua Mode Records per ricorrenze come questa: il compositore americano Roger Reynolds (*1934) compie 85 anni e perciò gli saranno dedicati due album monografici, il primo dei quali riprende le fila della sua produzione per quartetto d’archi – organico che ha rappresentato il “barometro” del passaggio dal classico al moderno e infine al contemporaneo.
Ma benché si tratti ancora oggi di un autore relativamente poco documentato a livello discografico, anni addietro non era mancato un doppio volume a suo nome nella comprensiva e imprescindibile serie a marchio Naïve/Montaigne dedicata al vasto repertorio del quartetto Arditti, committente e/o dedicatario di diversi brani inclusi nella raccolta. In questa nuova pubblicazione celebrativa, invece, viene ceduto il passo all’ugualmente prestigioso JACK Quartet per l’interpretazione di due opere più recenti, registrate sotto la supervisione dello stesso Reynolds.

Leggi tutto / read more

Alvin Curran – Inner Cities

Gabriella Smart
Room40, 2020
contemporary classical, minimalism

(ENGLISH TEXT BELOW)

La storia del tour de force pianistico, almeno a livello ufficiale, ebbe probabilmente inizio con i virtuosismi estremi di Franz Liszt, ovvero la trascendenza per mezzo del talento e dell’estro esecutivo, esibiti nell’assoluta padronanza di temi e variazioni esposti in rapida sequenza, riversati sullo spartito e sullo strumento come un fiume in piena. Venne poi la somma provocazione: con la boutade proto-dadaista delle “Vexations” di Erik Satie ci si spostava dalla difficoltà tecnica alla pura resistenza fisica, condannando il musicista e il suo (presunto) ascoltatore all’assurdità di una melodia ripetuta ossessivamente per un lasso di tempo inconcepibile.
I due estremi arriveranno a sfiorarsi nell’America del minimalismo: il ‘Well-Tuned Piano’ di La Monte Young e il magnum opus ritrovato di Dennis Johnson, “November”, pongono le basi per la nascita di quello che potremmo definire, in mancanza di termini migliori, un virtuosismo “verticale”; soppesare ogni singola nota e il suo spazio negativo come elementi paritari, nella suggestione immaginifica come nella totale astrazione di un’imperscrutabile interiorità.

Leggi tutto / read more