Alessandra Novaga & Stefano Pilia – Glimpses of a Day

Coherent States, 2021
free impro

(ENGLISH TEXT BELOW)

Tra le accoglienti mura di Standards, a Milano, nel tempo si è assistito a performance di ogni genere e registro, dalle più minimali alle più esagitate e fragorose: in ogni caso, testimonianze di un presente ancora foriero di entusiasmo e innovazione espressiva, nonché di legami artistici profondi. In questa sede si sono conosciuti anche Alessandra Novaga e Stefano Pilia – tra i capofila italiani della nuova sperimentazione chitarristica –, incrociandosi più volte sino all’ideazione di un progetto collaborativo. Il loro primo incontro in studio nel 2017, oggi edito col titolo Glimpses of a Day, sembra essere guidato da un accordo tacito, non programmatico: divagare senza mai perdersi di vista, con piena coscienza delle traiettorie altrui e dello scenario astratto che va disegnandosi minuto dopo minuto.

Leggi tutto / read more

Oker – Susurrus

shhpuma, 2021
free impro/folk

(ENGLISH TEXT BELOW)

La scienza ci narra delle origini del Tutto come di un’incommensurabile esplosione, un fragore che nessuna orchestra o artificio elettronico potrebbe mai riprodurre in parte ancorché infinitesimale. Nella nostra limitatezza umana possiamo tentare di avvicinare soltanto l’estremo opposto, immaginando una genesi che da un silenzio gelido e senza vita vada dischiudendosi in un timido sussurro, per poi aprirsi gradualmente al canto di una primordiale armonia collettiva.

Leggi tutto / read more

Ståle Storløkken – Ghost Caravan

Hubro, 2021
experimental, free impro

(ENGLISH TEXT BELOW)

Con l’apparente sospensione momentanea delle attività a nome Supersilent, negli ultimi anni i restanti membri della leggendaria formazione norvegese si sono concentrati su altri progetti di varia natura: ma se da un lato Arve Henriksen si è da sempre dimostrato altamente versatile e prolifico, lo stesso non si può dire di Helge Sten, che con OCCULTING DISK (Smalltown Supersound, 2019) è ritornato al moniker Deathprod a ben quindici anni di distanza da Morals and Dogma (Rune Grammofon, 2004). Così anche per il tastierista Ståle Storløkken, addirittura al debutto solista con The Haze of Sleeplessness (2019) e appena due anni più tardi nuovamente alla corte della fucina Hubro con un progetto in acustico per lui senza precedenti: una serie di improvvisazioni per organo a canne presso la chiesa moderna di Steinkjer, nella contea norvegese di Trøndelag.

Leggi tutto / read more