Francisco Meirino – The Process of Significance

boxset reissue
Misanthropic Agenda, 2021
noise, eai

(ENGLISH TEXT BELOW)

Per alcuni la creazione artistica è un puro medium, nien’altro che un tramite espressivo, mentre per altri è uno spazio disgiunto dalla realtà entro il quale annullarsi, cedendo all’illusione (e segreta seduzione) di una non-esistenza corporea e della trasmutazione in un flusso di pure e intangibili energie fisiche. Gli strumenti e i materiali elettronici sono quanto di più prossimo a tale utopia, il paradigma attraverso cui simulare la “scomparsa” dell’artista e performer dietro un’architettura di timbri freddi ma pulsanti, esito dell’azione occulta condotta da un autentico deus ex machina.

Leggi tutto / read more

Tomoko Sauvage – Fischgeist

Bohemian Drips, 2020
electroacoustic, experimental

(ENGLISH TEXT BELOW)

La rivelazione delle risonanze acustiche ha segnato per sempre gli sviluppi della creazione musicale, dalle sublimi polifonie rinascimentali sino alle avanguardie del secondo Novecento, in particolare nell’ascolto profondo teorizzato da Pauline Oliveros e negli empirismi “oggettivanti” del maestro americano Alvin Lucier. D’altronde, a ben vedere, è una fascinazione atavica e sempre nuova a coglierci ogniqualvolta i suoni che produciamo si riverberano naturalmente: la percezione uditiva sembra moltiplicarsi attorno a noi, i segnali emessi si espandono oltre le nostre capacità fisiche e le nude pareti sembrano parlare la nostra stessa lingua.

Leggi tutto / read more

KTL – VII

Editions Mego, 2020
drone, electroacoustic

(ENGLISH TEXT BELOW)

Difficile stabilire in che misura la genesi del settimo capitolo firmato KTL sia da attribuire al lockdown globale: certo, i tempi della sua realizzazione sono strettamente legati a una permanenza forzata nella città di Berlino, quando i capi di Stato europei hanno chiuso le frontiere per limitare il contagio da Covid-19; ma forse questo periodo buio della storia recente ha solo contribuito a cementare definitivamente l’estremismo visionario del duo di Stephen O’Malley e Peter Rehberg, che dopo quasi quindici anni di evoluzione e affinamento stilistico raggiunge verosimilmente il suo esito più compiuto e autonomo.

Leggi tutto / read more